Non si muore di solo Covid: 2mila decessi per tumore mammella e colon per ritardi diagnostici durante il lockdown

Non si muore di solo Covid: 2mila decessi per tumore mammella e colon per ritardi diagnostici durante il lockdown

AgenPress – “Si può calcolare che in Italia ci può essere stato un potenziale eccesso di circa 2.000 morti per tumori della mammella e del colon retto, a causa del ritardo diagnostico dovuto al procrastinarsi di indagini radiologiche, biopsie o interventi chirurgici durante la fase del lockdown”.

Lo dice l’oncologo Umberto Tirelli, direttore della Tirelli Medical Group. “Lo stesso fenomeno è avvenuto sicuramente anche in Italia per i tumori del polmone e della prostata dove le diagnosi e gli interventi chirurgici sono stati dilazionati anche a causa della mancanza di posti letto in terapia intensiva necessari per poter procedere a questi interventi chirurgici”.

La stime parte dai numeri registrati in Usa: “Antony Fauci, illustre immunologo americano consulente del Presidente Trump, che ha parlato qualche giorno fa in un congresso sulle interazioni tra Covid-19 e cancro, ha affermato – rileva Tirelli – che a causa della Covid-19 si è verificato un potenziale eccesso di 10 mila morti per tumore della mammella e del colon retto per il ritardo o l’assenza di screening in queste patologie durante i mesi del lockdown negli Stati Uniti con conseguenti difficoltà degli ospedali per Covid-19. Tenendo conto della differenza di popolazione tra Stati Uniti e Italia, rispettivamente di 330 milioni e 60 milioni, su arriva ai numeri indicati”.

Inoltre “anche gli infarti e gli ictus hanno avuto una mortalità maggiore per la difficoltà ad accedere alla terapia intensiva negli ospedali”.
———-/———-

Una tesi rimarcata anche da Repubblica, che scrive:

Tumori, un milione e 400mila screening in meno nei primi 5 mesi del 2020

Ci sarà un conto da pagare dopo il Covid anche per i pazienti oncologici e per quelli che scopriranno di avere un tumore con ritardo perché – causa Coronavirus – gli screening sono stati bloccati o nel migliore dei casi rallentati. Così, quel nodulo al seno avvertito con l’autopalpazione è diventato via via più grande in attesa di poter fare gli esami che hanno poi confermato la diagnosi di tumore. Lo avevamo messo in conto, ma ora che abbiamo i numeri e possiamo ‘misurare’ gli effetti  della pandemia sulla cura dei tumori fa più effetto. L’impatto del Covid-19 sull’oncologia e l’individuazione di nuovi strumenti per far fronte alle conseguenze del virus sono fra i temi centrali del Congresso della Società Europea di Oncologia Medica (Esmo), al via da domani al 21 settembre in forma virtuale.

Gli screening mancati

Nei primi 5 mesi del 2020, in Italia, sono stati eseguiti circa un milione e quattrocentomila esami di screening in meno rispetto allo stesso periodo del 2019. Ritardi che si traducono in una netta riduzione non solo delle nuove diagnosi di tumore della mammella (2.099 in meno) e del colon-retto (611 in meno), ma anche delle lesioni che possono essere una spia di quest’ultima neoplasia (quasi 4000 adenomi del colon-retto non diagnosticati) o del cancro della cervice uterina (circa 1670 lesioni CIN 2 o più gravi non diagnosticate).

L’inevitabile aumento della mortalità

Queste neoplasie non sono scomparse, ma saranno individuate in fase più avanzata e questo significa che ci saranno minori probabilità di guarigione e risorse maggiori per le cure. In base a stime del National Cancer Institute, negli Stati Uniti, nei prossimi 10 anni, vi saranno circa 10.000 morti in più per tumore del seno e del colon-retto, proprio a causa dell’effetto del Covid-19 sugli screening e sul trattamento. “Si tratta di numeri che, in termini relativi, possono sembrare piccoli, riferendosi all’1% del totale dei decessi per queste due neoplasie negli Usa, ma in termini assoluti sono tutt’altro che trascurabili, perché parliamo di 10.000 decessi in più per grandi malattie, che in questi anni hanno beneficiato dell’effetto positivo dello screening sulla mortalità”, sottolinea Giordano Beretta, presidente Aiom e responsabile dell’Oncologia Medica all’Humanitas Gavazzeni di Bergamo. Nel Regno Unito, inoltre, è stato stimato che il ritardo diagnostico causato dalla interruzione e dal rallentamento dei servizi sanitari possa essere la causa di aumento della mortalità (rispetto al periodo pre Covid-19) nei prossimi 5 anni fino al 16,6% per i tumori del colon-retto e al 9,6% per la mammella.

La situazione in Italia

E in Italia?
“L’allarme lanciato nel Regno Unito e negli Usa si può applicare anche in Italia – afferma Saverio Cinieri, presidente eletto Aiom e direttore Oncologia Medica e Breast Unit dell’Ospedale ‘Perrino’ di Brindisi. “A oggi, il ritardo diagnostico accumulato è limitato, ma sta crescendo anche per le modalità organizzative necessarie per garantire il distanziamento fisico dei cittadini che si sottopongono agli screening”. Nel nostro Paese, nel 2019, sono stati stimati 371mila nuovi casi di tumore e il costo dei farmaci anticancro è in costante crescita. In cinque anni (2014 – 2019) la spesa per le terapie è passata da 3,9 a circa 6 miliardi di euro. I farmaci antineoplastici rappresentano la prima categoria terapeutica a maggior spesa pubblica per il 2019 (26% della spesa totale). Non solo. Nel 2019, il tetto del Fondo per i farmaci oncologici innovativi, stabilito in 500 milioni di euro, è stato sforato, superando i 584 milioni.

Le conseguenze dei ritardi sul cancro del colon-retto

I risultati di uno studio guidato da ricercatori dell’Università di Bologna, dell’Università di Parma e IRCCS Humanitas, pubblicati sulla rivista Clinical Gastroenterology and Hepatology, stimano le conseguenze del rinvio degli esami di screening per il cancro del colon-retto. Lo studio, realizzato anche grazie al sostegno di Fondazione AIRC per la Ricerca sul Cancro, stima che ritardi nello screening oltre 4-6 mesi aumenterebbero significativamente la diagnosi di casi più avanzati di cancro colorettale, e se i ritardi superassero i 12 mesi, sarebbe destinata ad aumentare anche la mortalità.

Dopo i mesi di sospensione dovuti al lockdown, l’attività di screening è spesso ripresa in misura ridotta, ma in alcune realtà si sta cercando di trovare percorsi alternativi. “Qui a Bologna il programma di screening dell’Azienda Usl, in collaborazione con le associazioni delle farmacie, ha riorganizzato l’accesso al test del sangue occulto fecale facilitando l’adesione. Questa modalità evita l’accesso nelle strutture sanitarie e aumenta il numero dei punti di riconsegna”, spiega Luigi Ricciardiello, professore dell’Università di Bologna e coordinatore dello studio. “È necessario continuare a lavorare per aumentare ancora il numero degli utenti che aderiscono al programma”.

Più fondi per recuperare

Insomma, la pandemia ha modificato gli scenari. Per questo, l’Associazione Italiana di Oncologia Medica (Aiom) chiede alle Istituzioni di destinare più fondi per la lotta contro il cancro, non solo per le terapie ma anche per potenziare la telemedicina e per creare percorsi definiti di collaborazione con la medicina del territorio. “Le nuove armi come l’immuno-oncologia e le terapie a bersaglio molecolare hanno cambiato la storia naturale di molte neoplasie e oggi in Italia il 63% delle donne e il 54% degli uomini sono vivi a 5 anni dalla diagnosi – spiega Beretta aggiungendo: “Servono più risorse per far fronte ai cambiamenti nella pratica clinica in oncologia imposti dalla pandemia, a partire dalla creazione di percorsi definiti con la medicina del territorio. In questo senso, la nostra società scientifica sta attivando collaborazioni con Senior Italia Federanziani, Fimmg (Federazione Italiana Medici di Medicina Generale), gli Ordini dei medici locali, le farmacie e i distretti territoriali”.

Il ruolo della telemedicina

Fondamentale sarà puntare ancora di più sulla telemedicina che si è dimostrata preziosa durante la pandemia. “Va strutturata meglio soprattutto per i pazienti in follow-up e per quelli sottoposti a terapie orali in trattamento presso il domicilio – continua Giordano Beretta. Anche l’Esmo, nelle Linee Guida sulla gestione dei pazienti oncologici durante la pandemia, raccomanda l’utilizzo della telemedicina per le visite di controllo e per il monitoraggio delle persone che seguono terapie orali. Servono importanti investimenti per incentivare queste modalità di monitoraggio che, inoltre, dovrebbero prevedere piattaforme omogenee tra i vari ospedali, uniformi a livello nazionale”.

Risparmiare tempo e denaro

Un recente studio (Telemedicine During the COVID-19 Pandemic: Impact on Care for Rare Cancers, pubblicato su JCO Global Oncology), ha mostrato che ben l’80% dei pazienti, a cui sono state proposte televisite durante il lockdown, desidera utilizzarle anche in futuro. Tra i vantaggi principali, il risparmio di risorse e di tempo per i viaggi da casa all’ospedale. E l’89% dei clinici ha affermato che la telemedicina non implica maggiori carichi di lavoro rispetto alle visite in presenza. “L’oncologia è una delle discipline in cui il contributo della telemedicina può essere più prezioso, non solo durante l’emergenza, ma anche nella nuova normalità post Covid-19 – continua Saverio Cinieri. “I contatti telefonici e telematici non hanno la pretesa di sostituire le visite fisiche, ma consentono una tempestiva discussione degli esami di laboratorio e strumentali e di eventuali segni e sintomi di malattia”.

I questionari elettronici dei pazienti

Il potenziamento della telemedicina è un’occasione per sfruttare al meglio anche l’opportunità offerta dai patient-reported outcomes (PROs) elettronici. “Sono questionari che consentono di raccogliere preziose informazioni sulla qualità di vita dei pazienti, sui sintomi, sugli eventi avversi in corso di trattamento e sull’aderenza alla terapia, anche nella pratica clinica”, spiega Cinieri. “I risultati dei questionari, compilati elettronicamente dai pazienti e ricevuti dal personale sanitario, possono essere discussi telefonicamente, consentendo una valutazione sistematica dell’andamento dei sintomi e degli effetti collaterali, indipendentemente dall’accesso fisico del paziente in ospedale. L’adozione dei PROs elettronici comporta però varie sfide, tra cui la formazione e la consapevolezza da parte del personale sanitario della loro utilità ed efficacia e la necessità di educare il paziente alla corretta compilazione dei questionari”.

Rischio Covid e tumori

I pazienti oncologici si ammalano più facilmente di Coronavirus?  In Italia si stima che circa il 10% delle persone con tumore sia stato contagiato dal Covid-19, pari a 350mila cittadini. “Studi hanno evidenziato che i pazienti oncologici non presentano un rischio di infezione da Covid-19 maggiore di quello della popolazione non colpita da cancro – continua Cinieri. Vi è però una maggiore pericolosità dell’infezione in queste persone, in cui il decorso sfavorevole del virus è più frequente rispetto a quanto registrato nella popolazione non-neoplastica”. In particolare, una revisione sistematica di 52 studi, pubblicata sul European Journal of Cancer, ha considerato 18.650 pazienti oncologici colpiti dal virus: 4.243 sono deceduti, con un tasso di mortalità complessivo pari al 25,6%. “Questi risultati mostrano chiaramente come la mortalità sia alta nei pazienti onco-ematologici – conclude Giordano Beretta. Il cancro andrebbe pertanto considerato tra i fattori di rischio per le complicanze da Covid-19. Questi dati impongono un’attenzione ancora maggiore sulla necessità di proseguire le cure oncologiche nel contesto più sicuro possibile, cercando di mettere in atto tutte quelle procedure appropriate per prevenire i rischi di infezione da SARS-CoV-2 nei pazienti oncologici e, allo stesso tempo, trattare tempestivamente l’infezione in coloro che la sviluppano”.

wp_11302647

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *