Regionali, il Centrodestra ad un passo da un clamoroso “cappotto”

Regionali, il Centrodestra ad un passo da un clamoroso “cappotto”

Le elezioni regionali del 20 e del 21 settembre saranno un crocevia decisivo per il futuro del governo giallorosso. Come riporta ilgiornale.it tra meno di un mese si andrà al voto in sei regioni – Veneto, Liguria, Toscana, Marche, Campania e Puglia – e stando agli ultimi sondaggi realizzati il centrodestra è a un passo da un clamoroso “cappotto” che darebbe una spallata forse decisiva all’esecutivo di Movimento 5 Stelle e Partito Democratico.

Le due forze di maggioranza, dopo settimane di estenuanti trattative, sono riuscite a coalizzarsi solamente in Liguria, dove Ferruccio Sansa – ex firma de Il Fatto Quotidiano – cercherà di scalzare Giovanni Toti. Il candidato del centrodestra, però, vola verso la riconferma. Infatti, secondo le ultime rilevazioni di Tecnè, il fondatore e leader di Cambiamo! si poterebbe a casa il 51-55% dei voti, contro il 39-43% del candidato giallorosso.

Il dato più interessante si registra in Toscana, regione “rossa” per eccellenza insieme all’Emilia-Romagna. L’anno scorso Stefano Bonaccini ha dovuto sudare sette camicie per conquistare la riconferma contro Lucia Borgonzoni e non è detto che Eugenio Giani riuscirà a ricevere il testimone dal dem Enrico Rossi.

Susanna Ceccardi, candidata leghista per l’intero centrodestra, sogna infatti il clamoroso colpaccio. L’europarlamentare europea, ex sindaco di Cascina (in provincia di Pisa) va tutto fuorché male nei sondaggi: le ultime rilevazioni le assegnano una forbice che va dal 38,5% al 42,5%. Giani, per il centrosinistra, la spunterebbe, ma di poco: è fotografato al 44-48% dei voti. Appena tra il 6 e il 10% Irene Galletti per il Movimento 5 Stelle.

wp_11302647

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *